martedì 9 ottobre 2012

io, la lavastoviglie e il tempo


Il mio rapporto con la lavastoviglie è stato storicamente controverso. Quel lavoro di "sciacqua, abbassati, metti a posto, ti scivola un piatto, recupera la posata finita fuori dal cestello, tira fuori le stoviglie pulite", mi ha sempre infastidito. Però per anni ne ho avuto una in casa. Si ruppe, ne feci a meno per un discreto numero di anni. Poi ne arrivò un'altra, per altri 5 anni. Ora di nuovo ne faccio a meno.
Diciamoci la verità, è un tantino scocciante trovarsi il lavello occupato perennemente, se non sei sempre pronta a lavare prontamente ogni stoviglia (e io decisamente non lo sono!). Però, basta questo a farmi decidere per un nuovo acquisto?
In fondo non è poi così pensante lavare due volte al giorno le stoviglie, magari mentre preparo il pasto. D'altra parte c'è il costo della nuova macchina lavastoviglie, il costo per mantenerla (detergenti e energia elettrica), il tempo per caricarla e scaricarla. Ecco: il tempo.
Vorrei fare una riflessione sulla questione del tempo. Risparmio di tempo è una delle parole d'ordine dei pubblicitari. Ma è proprio vero che gli elettrodomestici fanno risparmiare tempo (e, sottinteso, denaro)?? 
Io credo che dovremmo considerare le tre variabili importanti: risparmio tempo, risparmio fatica, costo complessivo. Dal mio punto di vista, mentre la lavastoviglie e l'asciugatrice non offrono un risparmio di tempo e fatica che valga il loro costo, la lavatrice invece sì, enormemente, e per questo lo considero un acquisto decisamente importante e difficilmente evitabile. Di differente opinione è Doria che nel post (amabilissimo) sulle asciugatrici racconta la sua esperienza. 
In verità sul tempo risparmiato avrei tante cose da dire, ma aggiungo solo questo: forse dovremmo arrenderci al fatto che correre tutto il giorno cercando di fare TUTTO quello che vorremmo/dovremmo, è :
- illusorio
- frustrante
- ma soprattutto INUTILE 
Nonostante i mille salti mortali, sempre ci sarà qualcosa che non siamo riuscite a fare, mettiamoci il cuore in pace! 
E allora (forse) in una differente visione delle cose, anche lavare i piatti può assumere un altro aspetto.

7 commenti:

  1. Non sai come mi trovi d'accordo...
    Soprattutto: se si è in tanti o si spadella tanto (chi per ogni pasto usa una pentola per la pasta, una per il sugo, una per il secondo, una per la verdura di contorno, piatto fondo e piano, tazzina del caffè col piattino...) allora la lavastoviglie fa comodo. Chi invece non ama cucinare o non ne ha il tempo e fa direttamente dalla confezione al piatto di portata, eventualmente passando per il microonde, non sente la necessità della lavastoviglie. Mi trovo meglio a lavare due piatti in croce quattro volte, che ad aspettare due giorni che la lavastoviglie sia abbastanza piena da farla andare.

    Stesso discorso per il robot trita-affetta-impasta-fa-tutto-lui: con passino a manovella, grattugia e mandolina me la cavo benissimo (e non ci metto poi tutto 'sto tempo), al limite mi serve un frullatore (meglio ad immersione) per i liquidi e uno sbattitore per montare le chiare a neve (con la frusta a mano non riesco, mentre il resto lo sbatto a meraviglia). Certo che chi cucina in grande quantità (tipo mia madre che fa eserciti di cibo e poi lo congela) invece lo trova indispensabile...

    Io poi preferisco usare la scopa che quel trabiccolo infernale dell'aspirapolvere con 100 aggeggi, lui ed il suo tubo che se devo passarlo sotto il letto è un incubo da incastrare tra la sponda ed il muro, piuttosto passo lo spazzolone con lo straccio di lana, o non passo affatto... L'aspirapolvere lo uso per i casi speciali, se no scopa e straccio e via!

    Invece concordo con te che di lavatrice e ferro da stiro non si può fare a meno... Non sono una che deve stirare tutto-ma-proprio-tutto, però le lenzuola stirate sono un'altra cosa...

    RispondiElimina
  2. in effetti ultimamente mi sto accorgendo che posso fare a meno di tante di quelle cose :))
    Grazie del tuo intervento, in cui mi riconosco.

    RispondiElimina
  3. Interessante riflessione..il tempo, che non basta mai: gli elettrodomestici ci aiutano parecchio ma , nello stesso "tempo", anch'essi richiedono cure e..tempo! Io me ne accorgo in cucina, con i vari trita quello e impasta quell'altro, ci vuole più a smontarli, pulirli e rimetterli a posto che..a fare a mano..La lavastoviglie la uso ma in modo moderato: la sera, a pieno carico..l'asciugatrice non l'ho mai avuta..e non ne ho mai sentito la necessità..Ci sono persone che non hanno nessun posto dove stendere il bucato e la trovano indispensabile..

    RispondiElimina
  4. sabrina bri collage9 ottobre 2012 17:55

    con me sfondi una porta aperta! Trovo assurdo sprecare energia elettrica, inquinare con i detergenti aggressivi per avere in ore (quanto dura un ciclo di lavaggio..?) quello che hai in dieci minuti. L'assurdità poi di dover sciacquare i piatti prima di metterli in lavastoviglie..! e allora tanto vale finire di lavarli a mano, no? Per non parlare poi di tutto quello che non si può lavare in lavastoviglie. Insomma io ODIO la lavastoviglie ma ADORO la lavatrice..sempre a 40°..qualche volta 60°....(ma l'asciugatrice noooooooo...)!!!!ciao!!

    RispondiElimina
  5. L'asciugatrice l'ho avuta quando abitavo in appartamento, e lì era proprio necessaria perchè d'inverno non avevo alcun spazio di asciugatura e stendendo in casa avrei coltivato chissà quanta muffa, ma appena traslocato in casa a schiera l'ho messa da parte ed eliminata. Il ferro da stiro lo usiamo poco, o meglio chi lo usa in realtà è il marito. Ma comunque stiriamo poco poco, men che mai lenzuola e neppure le mie magliette anche perchè le stendo sugli attaccapanni e le camicie le ho abolite da anni.
    La lavastoviglie la trovo utile, anche se non ci posso lavare le pentole, visto che con l'allergia non uso quelle in acciaio. La mia ha un buon ciclo breve che dura solo 30 minuti e qualche volta usiamo quello più lungo.
    Valutiamo sempre comunque il rapporto costi benefici quando si parla di acquistare un elettrodomestico e lì bisogna anche mettere in conto le proprie preferenze.. c'è a chi fare un lavoro non pesa, a chi invece ne pesa un altro.. è suggettivo..

    RispondiElimina
  6. Ti ringrazio per "l'amabilissimo".
    Giuro che, nonostante tu sia di un'altra opinione (e che rispetto) ho letto il tuo post davvero con piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io amo leggere i post altrui, anche quando non sono per nulla d'accordo. Mi pare una cosa importante scambiare reciprocamente le opinioni, sempre con rispetto.
      Poi ovviamente io continuo a pensare di avere ragione sull'asciugatrice :P

      Elimina

Grazie di essere qui!
Sarei molto felice se volessi lasciare un tuo commento. Lo scambio di idee e di opinioni è essenziale per me!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...